La voce è uno strumento fondamentale nella comunicazione, e a maggior ragione nei Call Center.
Per comunicazione intendiamo sia le parole, cioè i contenuti per come vengono presentati e l’arte di argomentare per ridefinire concetti, sia il non verbale (ad es. lo sguardo e la postura) e soprattutto l’uso sapiente della voce, il paraverbale.

Così come le parole e i gesti, anche la voce infatti esprime le emozioni di chi parla e genera emozioni in chi ascolta.


Saper utilizzare la voce in maniera consapevole può influenzare fortemente la nostra efficacia comunicativa e quindi la possibilità di influenzare i pensieri, le sensazioni e le emozioni di chi ci ascolta.

Questa considerazione è ancora più valida nelle professioni “al telefono”, dove la risposta è veicolata attraverso la voce, che diventa uno strumento di lavoro, forse LO strumento di lavoro.

La voce è quindi da considerarsi un punto cardine della persuasione telefonica.

Per questo motivo è molto importante curare la propria voce che dà forza ai messaggi che comunichiamo e al contempo, essendo usata costantemente, va “preservata”.

La nostra esperienza ci dice che capire come funziona questo strumento (prendere consapevolezza) e scoprire come utilizzarlo al meglio nella dimensione operativa aumenta il nostro benessere.

La voce è un prodotto del nostro corpo ed è la somma di 4 elementi che la compongono:

  1.  Il timbro è l’impronta digitale della voce. Ognuno di noi ha un personale timbro unico e diverso dagli altri.
    Il timbro è l’unica componente del paraverbale che non si può modificare volontariamente. La buona notizia è che è difficile trovare un timbro brutto.
  2.  Il volume indica quanto forte o quanto piano stiamo parlando ed è direttamente proporzionale alla quantità di aria che fa vibrare le nostre corde vocali. Il volume è molto importante perché determina il livello di attenzione che trasferiamo ai nostri interlocutori.
    Il volume fa sentire l’intensità di ciò che dico.
  3. Abbiamo poi il tono, l’altezza timbrica paragonabile alle note musicali, cioè quanto acuto o grave risulta il parlato.
    Come quando si lavora sugli addominali, possiamo educare i muscoli della voce a produrre note più basse.
  4. Il ritmo ossia la velocità nel parlare. È il risultato sia della distanza tra le parole e tra le loro sillabe sia dalle pause che sono all’interno del discorso.
    Le pause possono evidenziare una o più parole del discorso.

Se questo spiega come si compone la Voce, molti altri sono gli elementi da sapere: la sua fisiologia (come esce dal nostro corpo?), le tecniche per usarla al meglio (respiro, ascolto di sé, delle proprie emozioni e di quelle dell’interlocutore) e le buone pratiche per curare e coccolarla!

A questo link trovi una survey sulla Voce: sarà interessante condividere i risultati e approfondire alcuni aspetti!

Puoi anche copiare e incollare questo link nella barra di navigazione del tuo browser. 

https://it.surveymonkey.com/r/ZCQCT7W

 

Iscriviti

Rimani in contatto con Risorse Callcenter


 

Contatti

Tel. +39 02-62912386
Fax +39 02-62912386
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Indirizzo

Via Achille Zezon, 6
Milano - Italy